FRANCESCO ANTIMIANI

Nato a Terni nel 1972.

Artista polivalente, si è laureato col massimo dei voti in pianoforte e canto.

Docente di tecnica e interpretazione vocale, ha debuttato nel 1992 con il gruppo "Recitar Cantando" di Fausto Razzi a Roma e da allora ha sempre lavorato nel teatro musicale come cantante, attore, regista, compositore e autore, spaziando dalla prosa alla lirica al musical. Ultimamente si dedica principalmente a quest'ultimo, tenendo anche conferenze e stages sulla storia del genere e sull'interpretazione vocale.

In questo ramo spicca la sua partecipazione a "Notre Dame de Paris" di Riccardo Cocciante, uno dei più grandi successi di tutti i tempi, dove ha interpretato il ruolo di Frollo e a "Giulietta e Romeo", sempre di Cocciante, nel doppio ruolo di padre Capuleti e padre Montecchi.

La sua esperienza con il teatro musicale risale al 1991, quando debuttò in una produzione di "Forza Venite Gente" in Umbria.

Negli anni successivi si è dedicato soprattutto alla lirica. Come baritono ha debuttato diversi ruoli in importanti teatri italiani. I più importanti sono stati:

Dal 2000 al 2003 ha fatto parte del coro lirico dell'Arena di Verona.

E' anche un ottimo esecutore di musica sacra e da camera, spaziando dal barocco al lied tedesco fino a Gershwin e Piazzolla. E' stato tra i solisti della prima esecuzione moderna de "la Resurrezione di Lazzaro" di Perosi (della quale è uscito il cd) alla "Sagra Musicale Umbra", e della "Missa Pacis" di Amintore Galli alla "Sagra Malatestiana" di Rimini. Ha partecipato anche a molte prime esecuzioni di oratori e opere contemporanee per autori come Carlo Pedini, Giacomo Manzoni, Matteo D'Amico.

E' stato premiato in vari concorsi nazionali e internazionali come il "Mascia Masin" di Sangemini (TR), il premio "Riviera della Versilia" (grazie il quale ha effettuato la sua prima incisione discografica), il concorso "Accademia delle Muse" di Camaiore, e il concorso "Migliori diplomati d'Italia" di Castrocaro.

Negli anni '90 è stato il direttore del Coro Polifonico "Città  di Terni".

Ma in tutti questi anni la sua vera passione è stata quella per il teatro e il musical in particolare.

Dal 1993 ha cominciato a frequentare corsi e concorsi di jazz, musica leggera e teatro. Ha lavorato dapprima come corista in varie tournèe e in molte incisioni discografiche, poi nel '96 col gruppo "Avviso di Chiamata" ha vinto il festival "Una voce per la musica" di San Marino ed è stato tra i partecipanti per "Sanremo Giovani '97".

Sempre nel 1997 è giunto in finale al premio "Rino Gaetano" e nel 1998 è stato finalista all'Accademia di Sanremo.

Dopo queste esperienze, abbandonato il mondo della musica leggera, si è dedicato stabilmente al teatro:

Da molti anni si dedica all'insegnamento.

I suoi allievi hanno partecipato e partecipano ad importanti spettacoli e manifestazioni quali "Giulietta e Romeo" di Riccardo Cocciante, "Peter Pan" di Edoardo Bennato, "High school musical" della Compagnia della Rancia, La Sirenetta, Tarzan (produzione Stage Entertainment Germania), X Factor, "Le Bal des Vampires" a Parigi con la regia di Roman Polansky, "Il Libro della Giungla", "Dorian Gray", "Once - Il musical", "Titanic". "Evita" (UK tour) e diversi altri.

Nel febbraio 2013 insieme a Francesco Renga e Celso Valli è stato uno dei relatori di "Risonanze", un ciclo di conferenze col quale la facoltà  di Musicologia dell'Università  di Parma ha aperto le porte alla musica "extra-colta". Il suo intervento è stato dedicato alla storia del musical con esecuzione di alcuni brani al pianoforte.